Olio extra-vergine d'oliva: facciamo chiarezza

L’olio extra vergine d’oliva è considerato un prodotto cardine della dieta mediterranea, ma è anche uno degli alimenti più contraffatti in Europa, con scopi puramente economici.


LO SAPEVI CHE...

L’olio extra vergine d’oliva è considerato un prodotto cardine della dieta mediterranea, ma è anche uno degli alimenti più contraffatti in Europa, con scopi puramente economici.

Purtroppo l’olio extra vergine d’oliva è un prodotto sempre presente nelle offerte dei supermercati e questa corsa al ribasso favorisce i comportamenti illeciti. Negli ultimi 50 anni le frodi hanno coinvolto molti grandi marchi, trattandosi di operazioni molto redditizie con un livello di rischio sanitario molto basso. Oltre a questo tali sofisticazioni richiedono analisi mirate spesso non comprese nelle “normali” attività di controllo degli organi preposti.

Principali sofisticazioni/contraffazioni:

  • “trasformazione” di olio di semi in olio extra vergine d’oliva, tramite l’aggiunta di betacarotene e clorofilla
  • miscelazione di oli mediocri esteri etichettati come “100% italiano
  • deodorazione di oli con problemi organolettici, dovuti a fermentazione attivata ammassando le olive per lungo tempo
  • miscelazione di oli extravergini molto amari o piccanti con oli difettosi, deodorati o di categoria inferiore al fine di ottenere un sapore più delicato

 

In Italia il consumo di olio d’oliva è 6 volte superiore alla produzione italiana, quindi la maggior parte dell’olio d’oliva commercializzato è di importazione, prevalentemente da Spagna, Grecia, Tunisia e Marocco. Questo non significa che gli oli importati da questi Paesi siano di bassa qualità. La qualità dipende infatti da vari fattori: cultivar, l’annata, il sistema di raccolta e la conservazione. Esistono anche oli italiani di qualità scadente.

Classificazione degli oli di oliva (apri la tabella)

Dal 2012 per l’olio extra vergine di oliva e l’olio vergine di oliva è obbligatorio riportare in etichetta il luogo di raccolta delle olive e il luogo di estrazione dell’olio (frantoio) – paesi UE o extra UE. Nel caso i 2 luoghi coincidano, verrà riportato solo la dicitura “Prodotto in… “

Per il consumatore medio è molto difficile riconoscere visivamente e al palato una sofisticazione, una delle prime regole è diffidare da oli extra vergini d’oliva offerti a meno di 5€ / L. La massima tutela si ha scegliendo prodotti DOP o IGT essendo controllati da enti certificatori di garanzia. Per questi oli vengono controllate sia la provenienza delle olive, sia le caratteristiche chimiche (tramite laboratori accreditati), nonché il metodo di raccolta e di produzione.  Ovviamente solo se il prodotto risulta conforme potrà riportare in etichetta il logo DOP  o IGT.

L’olio BIOLOGICO come tutti i prodotti dichiarabili BIO segue una normativa europea (Regolamento (CE) n. 834/2007) .

I principi generali di questa normativa riguardano, in particolare, i metodi di produzione specifici, l’impiego delle risorse naturali e la rigorosa limitazione dell’uso di fattori di produzione ottenuti per sintesi chimica.

L’azienda deve sostenere una visita ispettiva dove l’ispettore controlla che siano stati rispettati tutti questi parametri.

File correlati

Cosa ne pensi di questo articolo eismann?

Per lasciare un commento effettua l'accesso o registrati.

Commenti

Per questo articolo non sono disponibili commenti. Lasciaci per primo la tua opinione!.